Guida completa alle Scadenze fiscali di fine anno!

Imu, Tasi, Tari, Iva, Irpef e dichiarazioni dei redditi di seguito tutte le scadenze di Dicembre

fonte: pixabay.com
Dicembre non è solo il mese dedicato alle feste, Natale e regali sotto l'albero, ma come tutti i colleghi Dottori Commercialisti e tutti i professionisti incaricati sanno bene, è anche un mese particolarmente ricco di scadenze fiscali di fine anno. Cerchiamo insieme di ricapitolare tutte le date previste per adempimenti, versamenti e ravvedimenti e cosa rigurdano.

Scadenze per l' IMU e la TASI

La scadenza canonica prevista  per il versamento del saldo delle tasse sulla casa Imu e Tasi è il 16 dicembre, data entro la quale i contribuenti sono tenuti a versare il conguaglio TASI e IMU in base alle aliquote stabilite dal proprio Comune di appartenenza.  Cosa succede se non si versano gli importi dovuti entro le scadenze? In questo caso si potrà riccorrere al ravvedimento entro 14 giorni dalla data di scadenza con sanzione ridotta più interessi minimi. Se il ritardo supera i 14 giorni e fino al 30esimo giorno aumentano gli interessi. Chi versa IMU e TASI in ritardo, deve ricordarsi, in sede di compilazione del modello F24 di barrare la casella “Ravv”, oppure potrà farsi aiutare da un professionista (non esitate a contattarci per un consulto!). La scadenza prevista per la terza tassa relativa agli immobili, la TARI ossia la tassa sui rifiuti, viene solitamente stabilita dal Comune di appartenenza che ne da Comunicazione scritta al contribuente prevedendo solitamente sia la possibilità di pagamento in un'unica soluzione che in rate trimestrali.

Scadenza per l' IRPEF

Il 16 Dicembre è anche la data prevista per la scadenza del pagamento dell' IRPEF, inerente le ritenute alla fonte a titolo di acconto che vanno versati dai sostituti d’imposta per:

  1. redditi da lavoro autonomo corrisposto nel mese precedente;
  2. redditi da lavoro dipendente corrisposti nel mese precedente;
  3. provvigioni corrisposte nel mese precedente. 

Scadenze comunicazioni INTRA

Partiamo dal chiarire che la comunicazione degli elenchi Intrastat riguarda solo coloro che attuano operazioni di cessione, acquisti e prestazione di servizi con soggetti operanti in paesi membri della Comunità Europea. La scadenza previtsa per l'invio degli intra delle operazioni relative al quarto trimestre  2016 è il 27 dicembre. Anche i  questo caso viene prevista la possibilità di ravvedersi per coloro i quali non hanno rispettato le scadenze previste per l'invio, con il versamento aggiuntivo di una sazione pari ad € 64, entro il termine per la presentazione della dichiarazione iva per l'anno.


Scadenze per l' IVA

Proseguendo con l'elenco delle scadenze fiscali di fine anno, ancora il 27 dicembre è la data di scadenza per versare l’acconto IVA dovuto da imprenditori, artigiani e commercianti, professionisti, autonomi, società.
Il calcolo dell'acconto da versare può essere effettuato secondo le seguenti modalità:

  1. calcolo con metodo previsionale versando l’88% dell’anno precedente. 
  2. calcolo con metodo storico pagando in base alle operazioni effettuate entro il 20 dicembre.
I ritardatari, avranno poi 30 giorni per sanare la propria posizione, pagando una maggiorazione oltre agli interessi legali.

Scadenza per le Dichiarazioni tardive

Il 29 dicembre è la scadenza per i ritardi relativi a IRPEF, IRES, IRAP. Si possono presentare per le dichiarazioni tardive dell’IRAP, regolarizzando la propria posizione con ravvedimento e della dichiarazione dei reddit tramite modello UNICO (persone fisiche, società di persone, società di capitali, enti non commerciali).
Per coloro che hanno una partita iva in regime agevolato, minimi o forfettari, la regolarizzazione delle imposte non versate è entro il 30 dicembre del versamento della 2° o unica rata dell’imposta sostitutiva di IRPEF e  addizionali e IRAP in acconto per il 2016, riservato a che chi esercita l’opzione per il regime forfetario agevolato: per sanare il versamento non effettuato entro il 30 novembre 2016, con maggiorazione degli interessi legali e sanzione ridotta (ravvedimento breve).
Stessa scadenza (esclusa l’IRAP) per il ravvedimento relativo all’imposta sostitutiva riservata a chi si trova ancora nel regime di vantaggio per imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità (ex “nuovo” regime dei minimi).

Ricapitoliamo di seguito il calendario completo delle scadenze fiscali di fine anno:

  • 14 dicembre ravvedimento 770;
  • 15 dicembre fatture differite;
  • 16 dicembre saldo IMU e TASI, adempimenti IVA mensile e IRPEF;
  • 27 dicembre acconto IVA e obbligo mensile INTRASTAT;
  • 29 dicembre dichiarazioni sui redditi tardive;
  • 30 dicembre ravvedimento regimi agevolati.