Nuove indennità di disoccupazione 2017: NASpI, Asdi, Dis-Coll e ricollocamento:

                                                                                                                          fonte:pixabay.com

Cerchiamo oggi di spiegare quali sono i nuovi "ammortizzatori sociali" previsti nei casi di perdita di lavoro per il 2017.

Che cos'è la disoccupazione NASpI? 

La NASpI 2017 è il sussidio di disoccupazione universale che ha sostituito da Maggio 2016 l'ASPI. Tale indennità, prevede nuove modalità di calcoloche influiscono sia sulla misura stessa del beneficio che sulla sua durata.
E' quindi un assegno che spetta ai lavoratori in disoccupazione involontaria, per chiarire chiunque perda il lavoro e non chi si sia licenziato, ha diritto ad un assegno di disoccupazione se ha lavorato almeno 3 mesi.
A chi si rivolge precisamente?

  1. Lavoratori dipendenti a tempo indeterminato e determinato;
  2. Apprendisti;
  3. Soci lavoratori di cooperativa che hanno aderito o instaurato dopo l'associazione, un rapporto di lavoro in forma subordinata, per il personale artistico con rapporto di lavoro subordinato.

Che cos'è la ASDI?

Tra le Nuove indennità di disoccupazione 2017, la Asdi è l'indennità che spetta per ulteriori 6 mesi ai lavoratori che finita la Naspi sono ancora privi di lavoro. Tale beneficio, spetta solo agli over 55 anni e con figli minori a carico con ISEE sotto i 5000 euro.  L' assegno ottenibile con Asdi è pari al 75% del importo ottenuto con la Naspi.

Che cos'è la  DIS-COLL?

La Dis-Coll è invece la nuova disoccupazione collaboratori un'altra misura a sostegno dei lavoratori che perdono involontariamente il posto di lavoro. Questo tipo di indennità spetta ai collaboratori coordinati e continuativi e a progetto, iscritti in via esclusiva alla Gestione separata, non pensionati e privi di partita Iva. L'erogazione dell'assegno, spetta a chi ha determinati requisiti ovvero: almeno 3 mesi di contributi versati a partire dal 1° gennaio dell’anno solare precedente. L'importo Dis-coll è pari al 75% del reddito percepito ma solo se pari o inferiore all’importo di 1195 euro mensili rivalutabile annualmente mentre se il reddito è superiore a predetta soglia, l’indennità spettante aumenta fino ad un massimo di 1300 euro. La durata Dis-coll è pari alla metà dei mesi in cui si è effettuata la contribuzione a partire dal primo gennaio dell’anno solare precedente fino l’evento di cessazione del lavoro, per cui se sino versati 8 mesi di contributi da gennaio ad agosto, la durata dell'indennità dis coll. è pari a 4 mesi. La Dis-coll,è stata prorogata fino al 31 dicembre 2016.