Modello 770/2016, Istruzioni Scadenze e Novità

Vediamo insieme le principali novità che sono state introdotte nel modello 770 per il 2016 e le indicazioni per i compensi nel regime dei minimi/forfettari.

                                                                                                                               fonte pixabay.com
Il modello 770/2016 ha subito alcune modifiche rispetto al modello precedente  in particolar modo dopo l' introduzione della Certificazione Unica, che è andata a sostituire il vecchio modello Cud. Vediamo insieme cos'è il modello 770
Il modello 770  serve ai sostituti di imposta come datori di lavoro, ento pensionistici, amministrazioni pubbliche per la dichiarazione annuale dei dati relativi ai versamenti effettuati, redditi e dati contributivi e assicurativi, compensazioni, ritenute ecc.
Sono presenti due tipologie di questi modello: 770 semplificato e 770 ordinario  la differenza sta nel tipo di comunicazione da fare all'Agenzia delle Entrate. 


MODELLO 770 SEMPLIFICATO 2016 

Va utilizzato dai sostituti d’imposta per comunicare in via telematica all’Agenzia delle Entrate, i dati fiscali relativi: alle ritenute operate nell’anno 2015, i relativi versamenti e le eventuali compensazioni ed il riepilogo dei crediti.
La trasmissione telematica all'Agenzia dell'Entrate, va effettuata entro il 1°agosto 2016, che però ha subito un primo slittamento al 22 agosto, ed ora possibile una nuovo proroga è prevista al 15 settembre.

Il Modello 770 Semplificato va presentato quando nell’anno di imposta precedente, 2015 il contribuente ha percepito:
  • Redditi da lavoro dipendente equiparati, come per esempio crediti di lavoro riconosciuti da sentenza come nel caso di TFR non pagato o mancato pagamento dello stipendio, o assimilati come gli assegni di mantenimento al coniuge o la retribuzione dei sacerdoti.
  • Indennità di TFR.
  • Prestazioni sotto forma di capitale pagate da fondi pensione.
  • Redditi di lavoro autonomo.
  • Provvigioni e redditi diversi.
  • Oppure, per dichiarare Dati, quali:
  • Contributivi previdenziali e assicurativi INPS, INAIL ecc e quelli relativi all’assistenza fiscale prestata.
  • Versamenti effettuati per crediti e compensazioni ma solo quando il datore di lavoro, ente pensionistico o Amministrazione dello Stato non sono obbligati a presentare per l’anno di imposta a cui si riferisce la dichiarazione, il modello 770 Ordinario.
  • Somme pagate a seguito di procedure di pignoramento presso terzi.
  • Ritenute operate sui bonifici effettuati dai contribuenti per fruire di oneri deducibili o per i quali spetta la detrazione d’imposta.

Chi deve presentare il 770 Semplificato?

Devono presentare il modello 770 semplificato tutti i sostituti d’imposta che hanno sostituito il contribuente nei rapporti con il fisco trattenendo le tasse relative a compensi, salari, pensioni, contributi previdenziali e assistenziali INPS o premi assicurativi INAIL.
Nello specifico:
Società di capitali ed enti commerciali pubblici e privati che risiedono in Italia;
Enti non commerciali, pubblici e privati residenti in Italia;
Associazioni non riconosciute, consorzi, aziende speciali;
Società ed enti di ogni tipologia non residenti nel nostro paese;
Trust;
Condomini;
Società di persone residenti in Italia;
Società o associazioni costituite da persone fisiche che esercitano attività associata di arti o professioni residenti in Italia;
Aziende coniugali residenti in Italia;
Gruppi europei d’interesse economico;
Persone fisiche che esercitano arti e professioni, imprese commerciali e imprese agricole;
Curatori fallimentari;
Eredi che non proseguono l’attività del sostituto d’imposta deceduto;
Soggetti che percepiscono redditi esenti da Irpef ma che sono assoggettati al pagamento dei contributi Inps;
Amministrazioni dello Stato;
Intermediari che presentano dichiarazioni a nome dei contribuenti;
Titolari di posizione assicurativa Inail.


Modello 770 Ordinario 2016

E' il modello che i sostituti d’imposta, gli intermediari e altri soggetti tenuti alla comunicazione, devono utilizzare per comunicare per via telematica all'Agenzia delle Entrate i dati relativi: alle ritenute operate su dividendi, proventi da partecipazione, redditi di capitale erogati nell’anno 2015, operazioni di natura finanziaria effettuate, dati riassuntivi relativi alle indennità di esproprio, dati dei versamenti effettuati, le compensazioni operate e i crediti d’imposta utilizzati. 
La trasmissione telematica del modello 770 ordinario, va effettuata entro il 15 settembre 2016, se confermata.

Proroga Scadenza modello 770 2016

La scadenza prevista per il modello 770/2016 semplificato e ordinario era il 1 agosto 2016.
Tuttavia come anticipato, è stata prevista una proroga prima al 22 Agosto e successivamente al 15 settembre 2016.

770/2016 e Contribuenti Minimi e Forfettari

Rispondiamo adesso ad una questione molto dibattuta ma sulla quale le indicazioni, sia dell' Agenzia delle Entrate che gli uffici competenti non hanno dato indicazioni chiare. Nel modello 770/2016 vanno indicati anche i compensi erogati a contribuenti nel regime dei minimi e forfettari?
La risposta è no! Prima si inserivano queste somme perchè era presente il quadro AU e quindi andavano a finire nelle somme non soggette a ritenuta (d'altronde l'Agenzia prima del 2014 non riceveva le CU e quindi non avrebbe potuto controllare).
Da quest'anno il quadro AU è stato spostato e riepilogato con le CU a marzo e quindi l'informazione è già stata fornita.
Nel nuovo 770 ci vanno le altre informazioni (tipo i versamenti nel quadro ST, i crediti nel SX e altre informazioni nel quadro SY) e quindi sono automaticamente escluse dal modello 770/2016.