FINANZIAMENTI A FONDO PERDUTO PUGLIA 2016!

COS' E' NIDI?

                                                                                                                                                                             fonte: pixabay.com
Oggi parliamo di un argomento molto interessante per chi vuole avviare una nuova attività ponendo il focus in particolare su una regione Italiana, I finanziamenti a Fondo Perduto nella Regione Puglia. In particolare spieghiamo cosa sono i Nidi, Nuove iniziative d'impresa Regione Puglia.
Nidi è lo strumento con cui la Regione Puglia offre un aiuto per l'avvio di una nuova impresa con un contributo a fondo perduto e un prestito rimborsabile. L'obiettivo di Nidi è quello di agevolare l'autoimpiego di persone con difficoltà di accesso al mondo del lavoro

CHI PUO' RICHIEDERE L'AGEVOLAZIONE?

Può richiedere l'agevolazione chi intende avviare una nuova impresa o se ha un'impresa costituita da meno di 6 mesi ed inattiva. L' impresa dovrà essere partecipata per almeno la metà, sia del capitale sia del numero di soci, da soggetti appartenenti ad almeno una delle seguenti categorie:

  • giovani con età tra 18 anni e 35 anni;
  • donne di età superiore a 18 anni;
  • disoccupati che non abbiano avuto rapporti di lavoro subordinato negli ultimi 3 mesi;
  • persone in procinto di perdere un posto di lavoro
  • lavoratori precari con partita IVA (meno di 30.000 € di fatturato e massimo 2 committenti)

Anche se rientrano nelle precedenti categorie, non sono considerati in possesso dei requisiti:

  • i pensionati;
  • i dipendenti con contratto a tempo indeterminato
  • gli amministratori di imprese, anche se inattive, e i titolari di partita IVA

L'  impresa dovrà avere una delle seguenti forme giuridiche: ditta individuale, società cooperativa con meno di 10 soci, Snc, Sas, associazione tra professionisti, Srl.

QUALI ATTIVITÀ SI POSSONO AVVIARE CON L'AIUTO DI NIDI?

Con questi finanziamenti agevolati è possibile avviare una nuova impresa nei seguenti settori:

  • attività manifatturiere
  • costruzioni ed edilizia
  • riparazione di autoveicoli e motocicli
  • affittacamere e bed & breakfast
  • ristorazione con cucina (sono escluse le attività di ristorazione senza cucina quali bar, pub, birrerie, pasticcerie, gelaterie, caffetterie, ristorazione mobile, ecc.)
  • servizi di informazione e comunicazione
  • attività professionali, scientifiche e tecniche
  • agenzie di viaggio
  • servizi di supporto alle imprese
  • istruzione
  • sanità e assistenza sociale non residenziale
  • attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento (sono escluse le attività delle lotterie, scommesse e case da gioco)
  • attività di servizi per la persona
  • traslochi, magazzinaggio, attività di supporto ai trasporti, servizi postali e attività di corriere;
  • commercio elettronico

A QUANTO AMMONTANO LE AGEVOLAZIONI DI NIDI

Grazie a questi finanziamenti a Fondo Perduto nella Regione Puglia se si prevede di avviare l'impresa con investimenti fino a € 50.000,00, l'agevolazione è pari al 100%, metà a fondo perduto e metà come prestito rimborsabile.
Se si prevede di avviare l'impresa con investimenti compresi tra € 50.000,00 ed € 100.000,00, l'agevolazione è pari al 90%, metà a fondo perduto e metà come prestito rimborsabile.
Se si prevede di avviare l'impresa con investimenti compresi tra € 100.000,00 ed € 150.000,00, l'agevolazione è pari all'80%, metà a fondo perduto e metà come prestito rimborsabile.
È inoltre previsto un contributo sulle spese di gestione dei primi sei mesi pari ad € 10.000,00.
Nidi non finanzia nuove imprese che:
nascano dal rilevamento di una impresa esistente o dall’acquisto di un ramo di azienda;
abbiano individuato una sede operativa coincidente o adiacente con la sede utilizzata da un’attività operante nello stesso settore;
abbiano un amministratore che sia titolare o amministratore di un’altra impresa operante nello stesso settore.

COSA POSSO ACQUISTARE CON LE AGEVOLAZIONI?

Con NIDI è possibile realizzare investimenti per:

  • opere edili e assimilate (con alcune limitazioni);
  • macchinari di produzione, impianti, attrezzature varie e automezzi di tipo commerciale;
  • programmi informatici;

Con NIDI si possono sostenere inoltre spese di esercizio per:

  • materie prime, semilavorati, materiali di consumo;
  • locazione di immobili;
  • utenze: energia, acqua, riscaldamento, telefoniche e connettività;
  • premi per polizze assicurative.
  • canoni ed abbonamenti per l’accesso a banche dati e servizi informatici.

In conclusione quindi al momento NIDI è uno dei più interessanti finanziamenti a Fondo Perduto nella Regione Puglia. Nei prossimi articoli approfondiremo altre tipologie di incentivi per le imprese!