ECOBONUS 2015: INCENTIVI PER ORTI URBANI 


Negli scorsi giorni è stato presentato al Senato un nuovo Disegno di legge per la promozione e la diffusione della cultura del verde in Italia,      con il quale sono previste misure di agevolazione fiscale per interventi di "sistemazione a verde" di aree scoperte di pertinenza di abitazioni di proprietà privata.
La proposta inoltre prevede detrazioni fiscali del 50% per tetti verdi e giardini pensili. Detrazioni peraltro già introdotte lo scorso anno  per favorire la diffusione dei tetti verdi al fine di un aumento del risparmio energetico, per l'assorbimento delle polveri sottili e la riduzione dell'effetto “isola di calore”.

A quanto ammontano le detrazioni previste?

Gli Ecobonus riguardano agevolazioni fiscali con detrazioni pari al 65% per coloro che vogliano realizzare sul proprio tetto o quello condominiale orti e/o giardini. Con i tetti verdi i vantaggi sono molteplici in quanto il risparmio di energia può raggiungere il 30% e il tetto durerà di più. Il nuovo Ddl presentato al Senato vorrebbe estendere l'Ecobonus anche agli orti e ai giardini privati con detraibilità del 36% in cinque anni per le spese comprese tra i 2000 e i 30 mila euro per chi cura e mantiene un giardino, uno spazio verde o un orto privato, come proprietario o affittuario. Detraibilità del 36% dai 5000 ai 50 mila euro anche per il verde condominiale.

Obiettivi della proposta

L'obiettivo della proposta è quello di agevolare ed incentivare i cittadini nella cura del verde, di migliorare la qualità della vita e la partecipazione nella valorizzazione paesaggistica.
Infine, gli incentivi per la realizzazione di interventi di riqualificazione e recupero di aree private da destinare a zone verdi, come ricorda Coldiretti , avranno l'effetto di incrementare il valore ecologico e ambientale delle zone edificate e di portare ad un recupero green degli spazi privati interessati da degrado e abbandono.

La proposta, insieme alle nuove agevolazioni in tema di risparmio energetico, vorrebbe aprire e disciplinare la concessione di agevolazioni fiscali per interventi di implementazione e riqualificazione di aree verdi private, analogamente a quanto già previsto per la realizzazione di opere di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica degli edifici. Bisogna sperare che in un’ottica sempre più attenta al green e all’ eco sostenibilità  il Ddl verrà approvato per poter dare il via alle  richieste di questo interessante tipo di agevolazione fiscale.
                                                                                     fonte immagine: www.gramigna.org